Napoli, niente nazionale per Ounas: con Sarri esperimenti in attacco

Due gironi di riposo e poi oggi a Castel Volturno la ripresa degli allenamenti per il Napoli di Sarri, che deve fare a meno degli infortunati Ghoulam e Milik ma anche di dodici nazionali che sono in giro per il mondo. Lavorano dunque in tredici, compresi però il polacco e l’algerino che stanno effettuando la riabilitazione necessaria dopo i rispettivi interventi chirurgici. Se Milik è già proiettato a tornare a correre – entro Natale – sul campo con i compagni, per Ghoulam le terapie sono appena iniziate.

La buona nuova per Maurizio Sarri, da sempre “allergico” alla sosta per le nazionali, è la presenza in campo di Adam Ounas (Maksimovic continuerà invece ad allenarsi in Serbia) che era stato soltanto preconvocato dalla nazionale dell’Algeria e dunque è già regolarmente a disposizione del tecnico azzurro. La presenza di Ounas permetterà a Sarri di continuare a lavorare sulla crescita dell’ex attaccante del Bordeaux, fin qui utilizzato soltanto per alcuni spezzoni di partite e mai da titolare. Ounas, costato dieci milioni, è arrivato per essere essenzialmente l’uomo che a gara in corso può spezzare gli equilibri e magari anche cambiare il modulo di gioco. Sarri lo ha inizialmente impostato come vice Callejon, ruolo nel quale si sta adesso alternando con Rog. A Verona contro il Chievo, però, la scelta al momento di sostituire lo spagnolo è ricaduta proprio su Ounas, a dimostrazione di una crescente considerazione da parte dell’allenatore che in questi giorni potrà provarlo anche al centro dell’attacco come extrema ratio in caso di assenza di Mertens.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Powered by Live Score & Live Score App